Vista su Amsterdam dal volo KLM

Venerdì 13, non sono superstizioso ma fa sempre effetto, forse perché i film americani ci hanno influenzato.

Mese 11 di 12 del 2020, un anno incredibile per me, nel bene e nel male. L’emergenza Covid ha vanificato migliaia di ore di lavoro su molti progetti ma, come per incanto, mi ha aperto nuove strade, una fra tutte quella della Ferrari. Alcuni eventi della mia vita lavorativa non si posso raccontare ma, per me che li vivo, sono esperienze fantastiche che mi continuano a dare la voglia di non fermarmi.

Nonostante la difficoltà negli spostamenti, ho viaggiato molto per l’Europa, ebbene si, viaggiare mi piace, a prescindere al motivo e dalla destinazione. Mi rendo conto di quanto è grande e diverso il Mondo, di quante visioni differenti della stessa cosa ci possono essere. Inoltre parli lingue diverse, ti confronti con persone che non sai nemmeno come si chiamano, viaggiare aiuta a capirsi meglio ed a pesare le priorità della vita.

Scritto sul volo Amsterdam – Praga, vista nuvole.

Ho tempo quindi vi racconto un po’, da Settembre ho preso vari voli per l’Europa, beh lo scenario negli aeroporti è impressionante, sono completamente vuoti! Come utente è piacevole perché non ci sono file, tutti sono gentili e si va meno di corsa rispetto a prima. Poi però penso a quanti negozi sono chiusi, a quanta gente ha perso il lavoro ed a quanti posti sono andati in fumo per chi lavora nell’indotto degli aeroporti. Le compagnie aeree non so come potranno uscire da questo tunnel, spero riescano a trovare la soluzione perché altrimenti si ritornerà come 20 anni fa a volare solo con grandi disponibilità e con meno tratte disponibili.

Perché il virus non si ferma? Non lo so, però un’analisi me la concedo. Se a fine lockdown, almeno in Italia, eravamo quasi a contagio zero, perché ora siamo tornati a oltre 30.000 contagi al giorno? Non sarà perché ancora oggi c’è gente che gira con la mascherina sotto al mento? Operatori di bar e ristoranti che, visti con i miei occhi, stanno al banco o servono con la mascherina abbassata? Non sarà che, da quando ci hanno liberato, molti sono partiti per andare in vacanza all’estero quando prima tutti IO RESTO IN ITALIA? Forse questo non influisce ma di certo ce la siamo ricreati noi questa seconda ondata e, visto che non è chiaro il modus operandi, prenderemo anche la terza, la quarta etc etc.

Parlo al plurale ma vorrei precisare che io sto sempre con la mascherina FFP2 indossata, mi “igienizzo” le mani ogni volta che tocco qualcosa e cerco di stare il più lontano possibile da tutti. Non so se questo basta per farmi schivare il contagio ma per lo meno presto la massima attenzione.

Buon week end a tutti.

#travelblogger #rudytravelblogger

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon